CASTELVECCHI
MARZO 2009

 

Didier Lauru

 

La sessualità dei bambini non è affare dei grandi

 

Traduzione di Alessandra Macr

Collana Libra

pp. 100

euro 12,50

 

Dei bambini non si sa niente: il titolo del fortunato romanzo che rivelò una sessualità cruda e dolente propria del mondo dei giovanissimi, è un richiamo quasi obbligato per il lettore italiano, anche in presenza di un saggio, com’è questo di Lauru, che riflette sul tema a partire dalla celebre teoria freudiana sulla sessualità infantile. Esposti a ogni tipo di immagine, atteggiamento o discorso esplicito, bambini e adolescenti vivono oggi senza la possibilità di un riparo. Persino nella produzione dei giocattoli il confine con il mondo  dei grandi si è fatto sempre più labile e ambiguo. Come se la mente infantile potesse accogliere tutto, si ostenta da parte degli adulti una naturalità frutto soprattutto di scarsa consapevolezza e disattenzione. Programmi televisivi, pubblicità, giochi, abbigliamento: ‘ipersessualizzazione di forme e linguaggi si intromette nelle fantasie, innescando un’eccitazione sproporzionata, che in alcuni casi estremi si traduce in patologie, disordini del comportamento, iperattività.

L’autore non pretende di offrire strategie vincenti, ma invita a un’osservazione incantata, rispettosa, non invasiva. Gli spunti di riflessione si susseguono, procedono e si chiudono proprio come in un racconto: una storia che parla di bambini e della grande fatica che devono affrontare forse oggi più che mai per crescere nella loro pelle.

 

Didier Lauru

Psicanalista e psichiatra, dirige un Centro Medico Psico-Pedagogico (il CMPP tienne Marcel) per bambini e adolescenti.  autore di varie opere sull’argomento, fra cui Pre-fille, une histoire de regard (Albin Michel).

Annunci