La campagna si intitola "Mamma beve, bimbo beve", e rappresenta un feto immerso in uno ’spritz’, ovvero l’aperitivo più in voga fra i giovani.

Una immagine-choc scelta dall’Asl di Treviso per lanciare una campagna di sensibilizzazione delle donne in gravidanza sui danni dell’alcol per il nascituro.

Secondo le più recenti ricerche, in Europa circa un bambino su 100 nasce con problemi legati all’uso di alcol della madre, sia in gestazione che durante l’allattamento ma in Italia il 65% delle donne in gravidanza non cambia le proprie abitudini con le bevande alcoliche. Il Veneto, con il 66,5% delle donne (dagli 11 anni in su) che consuma alcol ogni giorno, è al secondo posto fra le regioni italiane.

Secondo gli studi, l’alcol induce nelle donne una serie di conseguenze, tra cui l’aumento dei casi di infertilità, aborti spontanei e parti prematuri, mentre il nuovo nato può presentare deficit cognitivi che posso creare molti problemi …

Annunci