Uno studente italiano su cinque è bullo e omofobo.

Il dato emerge da un’indagine di Arcigay, la prima in Italia a dare un’idea del problema e della diffusione del bullismo omofobico, motivato dal disprezzo nei confronti dell’omosessualita’.

Secondo l’indagine questo tipo di bullismo riguarda una fascia di eta’ dai 5 ai 25anni, con un picco che va dai 12 ai 17 anni.

Gli atti avvengono prevalentemente in classe, con o senza supervisione degli insegnanti, e l’offesa piu’ diffusa e’ "frocio", seguita a distanza da "finocchio", "checca"e "ricchione".

Come conseguenza delle aggressioni, la maggior parte delle vittime ha riportato disagio psicologico, insuccesso scolastico ed emarginazione.

Per uno studente su 5 queste espressioni fanno parte della vita scolastica quotidiana.

Meno frequente il bullismo omofobico nei confronti delle femmine, verso le quali comunque i comportamenti piu’ diffusi sono epiteti, prese in giro e dicerie.

La maggior parte degli studenti sono esposti ad atti di bullismo omofobico verbale.

Circa il 4% degli studenti risulta vittima di bullismo omofobico nell’ultimo mese considerato, che rapportato alla popolazione scolastica globale porterebbe a oltre 100 mila le vittime.

L’utilizzo di nuove tecnologie, come cellulari e Internet, non sono molto diffusi ma sono comunque presenti.

Il bullismo verso i compagni omosessuali o presunti tali sembra diminuire con l’eta’ (dopo i 15-16 anni c’e’ un calo) e avere una frequenza maggiore man mano che si passa dal nord al sud del Paese.

Le aggressioni di tipo fisico, infine, sono piu’ diffuse negli istituti tecnici che nei licei.

Annunci