ASSOCIAZIONE CULTURALE TRISTITROPICI – BRESCIA

I CONCETTI FONDAMENTALI DELLA TEORIA FREUDIANA

CORSO DI BASE SU FREUD IN 4 GIORNATE

(sabato 6 novembre, domenica 7 novembre, sabato 4 dicembre e sabato 18 dicembre 2010)

 

Il corso sarà tenuto da Cecilia M. Alvarez,

membro didatta della Asociacion Psicoanalitica Argentina

e membro ordinario dell’ International Psychoanalitical Association.

 

 

Il corso si rivolge agli studenti e agli specializzandi desiderosi di mettere a fuoco più da vicino gli elementi costitutivi della teoria freudiana della mente, ma anche a chi, magari già da tempo formato, desiderasse approfondire e/o tornare a confrontarsi con il pensiero di Freud.

Le giornate di lavoro saranno articolate in due momenti: una lezione teorica al mattino e, nel pomeriggio, una discussione clinica su materiale proposto dai partecipanti.

Sede della giornata sarà l’ HOTEL ISEOLAGO, Via Colombera, 2 – Iseo (BS) e la quota di iscrizione prevista è di 120 (centoventi) euro. Per chi venga da lontano e voglia pernottare ad Iseo, abbiamo attivato una convenzione con l’ HOTEL ISEOLAGO che consentirà di alloggiare presso l’hotel al costo di 75 euro in camera singola.

Per il corso non è prevista l’attribuzione di punti E.C.M., verrà invece rilasciato un attestato di partecipazione.

Il numero massimo contemplato di partecipanti è 30. Nel caso le richieste dovessero superare i posti disponibili, le precedenze verranno definite sulla base della data del bonifico bancario.

Chi fosse interessato, deve farci pervenire i dati contenuti nel modulo di iscrizione sottostante (o scaricabile dal sito http://www.tristitropici.altervista.org), unitamente alla copia del bonifico bancario, intestato all’ Associazione Culturale Tristitropici con le seguenti coordinate: Banco di Brescia, filiale Brescia 4 – via Trento 7 – 25125 Brescia, IBAN:

I T 6 7 P 0 3 5 0 0 1 1 2 0 4 0 0 0 0 0 0 0 1 6 0 7 4.

Causale del versamento: corso Freud 2010. La copia del bonifico ed i dati anagrafici vanno inviati:

via E-MAIL all’indirizzo tristitropici@tiscali.it;

oppure via FAX al numero 030.3530211;

oppure via POSTA ORDINARIA a Massimiliano Castelvedere, piazzale Repubblica, 25, 25126 Brescia.

Per contatti e informazioni consultare il sito dell’associazione culturale http://www.tristitropici.altervista.org; oppure telefonare al numero 339.2323325 (dott. M. Castelvedere); oppure inviare una e-mail all’indirizzo tristitropici@tiscali.it

Cordiali saluti.

La Segreteria Scientifica ed Organizzativa:

Graziano De Giorgio, Fiorenzo Baldussi, Vera Bolberti,

Massimiliano Castelvedere, Barbara Mangione, Giovanni Sinico

 

 

 

PROGRAMMA DEL CORSO

 

1) L’ inconscio e la sessualità nella prima topica freudiana (sabato 6 novembre)

a) L’isteria e la sua relazione con le due grandi scoperte freudiane. b) L’ inconscio come essenza dei processi psichici. c) La riformulazione del concetto di sessualità. d) Inconscio e sessualità come condizioni per la produzione dei processi patologici.

[Opere freudiane di riferimento: Tre saggi sulla teoria sessuale (1905). L’inconscio (1915). Introduzione alla psicoanalisi: lezione 20, “La vita sessuale umana” (1917)].

 

 

2) Il Concetto di pulsione (domenica 7 novembre)

a) Definizione del concetto nelle prospettive epistemica, topica, economica e storica. b) Gli elementi costitutivi della pulsione. c) I destini della pulsione.

[Opere freudiane di riferimento: Pulsioni e loro destini (1915), La rimozione (1915)].

 

 

 

3) L’introduzione del narcisismo nella teoria e la prefigurazione della seconda topica (sabato 4 dicembre)

a) L’Io come oggetto e la teoria del narcisismo. b) Le fasi della costituzione dell’Io. c) L’Io ideale e l’ideale dell’Io. c) Il narcisismo come precursore della pulsione di morte.

[Opere freudiane di riferimento: Introduzione al narcisismo (1914)].

 

 

4) La pulsione di morte e la seconda topica (sabato 18 dicembre)

a) Eros e il principio di piacere. b) La comparsa nella teoria della pulsione di morte. c) La scelta d’oggetto e l’identificazione primaria. d) Impasto e disimpasto pulsionale. e) L’Io rappresentazione come oggetto d’amore dell’es. f) Il complesso di Edipo, identificazioni secondarie e superIo.

[Opere freudiane di riferimento: Al di là del principio di piacere (1920). L’Io e l’Es (1922)].

 

 

Bibliografia generale suggerita: Freud, S.: Autobiografia (1924)

Annunci