TRAINING IN PSICOTERAPIA SENSOMOTORIA (SENSORIMOTOR PSYCHOTHERAPY) PER IL TRATTAMENTO DEL TRAUMA Terza Edizione

MILANO 12 Giornate formative a partire dal 28 Giugno 2012

Si tratta di un evento formativo importante, in quanto la Psicoterapia Sensomotoria, non solo per il trattamento dei disturbi post-traumatici, ma anche per l’intervento nei disturbi dell’attaccamento e nei traumi dello sviluppo, sta riscuotendo un interesse ed un consenso crescenti, ora finalmente anche da parte degli psicoterapeuti italiani.

Uno dei suoi punti di forza per i quali viene particolarmente apprezzata è certamente la possibilità di integrarla con altri approcci psicoterapeutici, potenziando ed ampliando il raggio d’azione di approcci come quello psicodinamico, cognitivo-comportamentale ed EMDR.

REQUISITI D’ACCESSO E STRUTTURA DEL TRAINING

Il Training, in corso di accreditamento ECM e provvisto di traduzione consecutiva in italiano, edÃ? è riservato agli psicoterapeuti e agli psicologi frequentanti il quarto anno di formazione in psicoterapia.

Il Training si compone di dodici giornate formative, divise in tre moduli di quattro giornate; prevede un attestato di frequentazione e il riconoscimento dei crediti ECM al termine del primo modulo e al termine del terzo modulo formativo; il Sensorimotor Psychotherapy Institute rilascerà un attestato di frequenza al termine dell’intero percorso formativo.

Tra i principali argomenti che verranno affrontati nel Training in Psicoterapia Sensomotoria per il Trattamento del Trauma segnaliamo i seguenti:

– come intervenire efficacemente e in sicurezza sulle memorie somatiche nel PTSD, nei disturbi post-traumatici e nelle patologie legate alla storia di attaccamento;

– interventi somatici per ampliare la finestra di tolleranza delle emozioni ed accrescere le capacità di integrare i ricordi traumatici;

– il ruolo della mindfulness nel trattamento del trauma;

– sviluppo di nuove risorse somatiche per fronteggiare i ricordi post-traumatici;

– individuare e modificare le alterazioni dei confini corporei prodotte dalle esperienze traumatiche;

– strategie per intervenire sulla dissociazione strutturale e sulle modificazioni degli stati di coscienza;

– lavorare sugli Stati dell’Io regressivi;

– portare a compimento reazioni post-traumatiche incomplete;

– intervenire sui blocchi elaborativi dei pazienti caratterizzati da freezing, dissociazione, iperattivazione o ipoattivazione e che non rispondono facilmente all’applicazione di altri approcci terapeutici.

Ti segnaliamo inoltre come ilÃ? libro di Ogden, Minton e Pain “Trauma and the Body. A Sensorimotor Approach to the Psychotherapy”, pubblicato da Norton e attualmente in corso di traduzione, è stato autorevolmente presentato da Bessel van der Kolk e Daniel Siegel, e definito da Onno van der Hart come IL contributo che la psicotraumatologia stava aspettando. Alcuni commenti su questo volume sono presenti nella home page del sito del Sensorimotor Psychotherapy Institute , Colorado, USA. Oltre a ciò, la Psicoterapia Sensomotoria è stata inclusa nei trattamenti evidence-based per i disturbi post-traumatici complessi da parte di Courtois e Ford (Courtois, Ford. Treating Complex Traumatic Stress Disorders. An Evidence-Based Guide. Norton, 2009). I Trainers del Sensorimotor Psychotherapy Institute saranno Andrew Harkin (Dublino) ed Ame Cutler (San Francisco).

Dott. Michele Giannantonio, Dott.ssa Maria Puliatti

Annunci