Con la violenza non si scherza ne’ si può convivere ignorando le radici profonde del malessere che inquina i rapporti affettivi. La violenza di genere e’ diventata purtroppo un meccanismo crudele, un legame di prepotenza e abusi che non sempre viene valutato nella giusta misura, per paura o speranza di cambiare situazioni e rapporti ormai deteriorati. Credere che l’amore sia soltanto ubbidienza, mancanza di libertà e sudditanza significa assoggettarsi pian piano alla volontà di chi esercita la violenza, imparando a convivere con un perenne senso di colpa e di impotenza. Il coraggio di farsi aiutare può diventare l’unica via di uscita. Parlare e comunicare con le persone giuste significa prendere coscienza che esiste il problema e che è possibile affrontarlo. L’aiuto psicologico, oltre la denuncia agli organi competenti, e’ uno strumento indispensabile per decodificare e comprendere I meccanismi complessi delle relazioni basate sulla violenza. Vittime e carnefici sono entrambi bisognosi di aiuto, persone che molto spesso rivelano una storia e un vissuto personale caratterizzato da violenze pregresse, situazioni di disagio familiare che hanno lasciato una impronta difficile da cancellare. Anche da adulti e’ possibile imparare di nuovo ad amare, a capire che il possesso e la violenza sono sinonimi e che crescono soltanto all’ombra di un malato narcisismo.

Laura Alberico

Annunci