facebook1

Facebook ha deciso di estendere la possibilità di iscrizione ai giovanissimi, permettendolo anche agli under 13.

La logia commerciale sottostante questa iniziativa è chiara: da tempo sono in diminuzione gli iscritti giovani ed in aumento gli iscritti adulti.  Questo starebbe ad indicare che iscriversi su fb non sia più così attraente per i giovani, attratti da altri social. Ecco l’idea di aprire ai giovanissimi.

Per estendere ai più piccoli la possibilità di iscriversi Facebook deve adeguarsi alla legge del 1998 per la tutela dei bambini online, che prevede il consenso dei genitori e la verifica dello stesso prima di poter raccogliere o condividere informazioni personali di bambini.

Per motivi di sicurezza e tutela dei minori Facebook non permetteva l’iscrizione agli under 13, mediante il controllo della data di nascita richiesta al momento della registrazione al social network; misura molto debole poiché inserire una data diversa da quella vera è semplicissimo.

Ad oggi sono numerose le iscrizioni di under 13 con profili che riportano età fasulle.

I rischi legati all’utilizzo di questo potente strumento di contatto sono evidenti e non sempre gli adulti sono così attenti e così tecnologici da riuscire ad attuare reali ed efficaci misure di protezione.

Il parental control diventa una misura necessaria ma che non può comunque prescindere dalla supervisione diretta genitoriale, dall’accompagnamento emotivo e dal monitoraggio costante.

La funzione Parental Control consente di controllare le attività su internet, impedendo l’accesso a certi siti e limitando il tempo di navigazione, ma non accompagna allo sviluppo morale ed emotivo, che resta un compito genitoriale.

 

 

Annunci