Schermata 2014-07-22 alle 11.01.00

 

“Preferisco guardarmi indietro e vedere un progetto fatto di onestà, piuttosto che di 2000 scatti di falsi sorrisi”. Rebecca Brown presenta così il suo video: un timelapse di selfie, scattati per ben 6 anni e mezzo.

La ragazza, oggi 22 enne, ha voluto così raccontare – e sfidare – la sua sofferenza. Affetta da Dermatillomania e la Tricotillomania, “Un disturbo che mi porta a strapparmi i capelli ciocca per ciocca”,  con questo video ha voluto far capire a tutti che “La bellezza è più di quello che vediamo con gli occhi”.

Chi soffre di Tricotillomania tende a strappare ricorrentemente i propri capelli, con conseguente perdita  degli stessi.

La Dermatillomania è invece un disturbo che spinge il paziente a stuzzicarsi, toccarsi, strofinarsi, tormentarsi, graffiarsi, incidersi la pelle del viso o del corpo causando vere e proprie lesioni cutanee, spesso nel tentativo di eliminare piccole irregolarità o imperfezioni reali o immaginarie. Il DSM V prevede l’inserimento, per la prima volta, dello Skin-Picking Disorder tra i disturbi dello spettro ossessivo-compulsivo, offrendo per la prima volta un’etichetta diagnostica (e un nome univoco) a questo particolare problema psichico[1].

 

Entrambi i disturbi causano un importante disagio e compromettono il benessere e il funzionamento della persone in diverse aree della vita: sociale, lavorativa, familiare.

 

Schermata 2014-07-22 alle 11.38.48

 

Al termine del video Rebecca afferma: “Le persone sono molto più delle condizioni che vivono. Io sono di più dei miei capelli o della mia pelle”.

 

Per vedere il video cliccare qui

Annunci