multitasking

Secondo uno studio pubblicato su PLoS One da Kep Kee Loh e Ryota Kanai dell’University College di Londra, l’utilizzo simultaneo di smartphone, laptop e tablet può modificare la struttura del nostro cervello: attraverso le scansioni cerebrali è stato osservato che le persone “multitasking” hanno una minore densità della sostanza grigia in alcune regioni del cervello rispetto a quelle che semplicemente utilizzano un dispositivo di tanto in tanto.
Precedenti studi hanno trovato una correlazione tra l’uso di diversi dispositivi contemporaneamente e scarse capacità attentive, depressione e ansia.

I due ricercatori londinesi hanno reclutato 75 persone, di circa 25 anni, per rispondere a un questionario sul loro uso di 10 diversi tipi di supporti: carta stampata, televisione, video, musica, chiamate utilizzando il cellulare o telefono, messaggi di testo , e-mail, navigazione web e altre applicazioni. Successivamente hanno scansionato il cervello di 40 dei partecipanti utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per misurare la loro attività cerebrale.

dispositivi

Hanno rilevato che le persone che avevano raccontato di utilizzare un numero maggiore di dispositivi multimediali contemporaneamente mostravano una minore densità della sostanza grigia nella corteccia cingolata anteriore, una regione del cervello che è responsabile del controllo cognitivo e della regolazione socio-emozionale.
“L’attività multitasking attraverso i dispositivi multimediali sta diventando sempre più diffusa nella nostra vita di oggi e sta crescendo l’interesse circa il suo impatto sulla nostra cognizione e sul nostro benessere socio-emotivo”, afferma Loh in un comunicato stampa. “Il nostro studio è stato il primo a rivelare  legami tra l’uso simultaneo di dispositivi multimediali e la struttura del cervello.”

“Anche se non si può escludere che gli individui con una minore densità della sostanza grigia nella corteccia cingolata anteriore siano più suscettibili alle situazioni di multitasking a causa della più debole capacità di controllo attentivo” aggiunge Loh “è altrettanto plausibile che i livelli più elevati di esposizione a situazioni multitasking porti a cambiamenti strutturali nella corteccia cingolata anteriore”. E ‘necessario un studio a lungo termine per determinare la direzione di causalità.

 

Fonte: IFL Science

Annunci